La scuola che vorrei
Vai alla pagina dedicata su Facebook
12 dicembre 2018

02-10-2012 18:10 Ugo Barilli
Un'esperienza che fa riflettere
Riporto di seguito un estratto di un recente articolo apparso sul Sole 24ore.

"Quello della scuola inglese è un mito da sfatare: solo un certo provincialismo italico ci fa pensare che sia un modello imbattibile e da imitare. Non parliamo qui dei curricula e della didattica, ma del sistema scolastico. L'eccellenza inglese molto probabilmente è migliore dell'eccellenza italiana, perché è una scuola più moderna nei contenuti e più agile nei metodi di apprendimento.

Ma nel Regno Unito l'istruzione d'eccellenza è quella privata.
Nella pubblica il livello è così basso che ogni anno si moltiplicano gli appelli e le campagne per la scolarizzazione: un bambino di 11 anni che esce dalla primaria pubblica ha lo stesso livello di preparazione di un bambino di 7/8 anni della privata. Molti non sono neppure in grado di leggere un libro per intero. E il gap aumenta con il passare ai gradi successivi dell'istruzione.
In Gran Bretagna l'istruzione di qualità è un privilegio riservato a pochi e la scuola pubblica non riesce a tenere il passo."

Puoi leggere la versione integrale dell'articolo cliccando qui.


Condividilo su Facebook  Condividilo su Twitter  Condividilo su LinkedIn  Condividilo su Google +  Segnala Vota:
voti:299
Inserisci un Commento
Nome *
Email *
Commento *
Sono *
Leggi l'informativa *
Ho letto e accetto l'informativa
I commenti sono moderati e saranno pubblicati solo dopo l'approvazione della redazione

Iscriviti alle News

RSS Sottoscrivi i nostri RSS


Invia un messaggio riservato alla redazione


Promosso da
Promosso da IESS.it

Categorie
La scuola che vorrei (8)
Sistema Educativo (5)
Organizzazione scolastica (1)
Docenti (5)
Tecnologie e strumenti didattici (2)
Progetti (1)
Didattica (3)

Archivio



TAG Cloud