La scuola che vorrei
Vai alla pagina dedicata su Facebook
12 dicembre 2018

15-06-2012 13:06 Ken Robinson
Ripensare il sistema scolastico
Ken Robinson e' un esperto di education di fama internazionale.

In una sua recente conferenza al TED di Monterey in California (ascoltata da più di 7 milioni di persone), ha parlato della necessità di ripensare i sistemi scolastici. Ecco una sintesi del suo intervento.

"Credo che facciamo un uso davvero pessimo dei nostri talenti.
Ci sono persone che amano quello che fanno e non riescono ad immaginare di far qualcos'altro. Perché non è quello che fanno ma quello che sono. Ma si tratta purtroppo di una minoranza.
                 
Molte persone trascorrono un'intera vita senza una reale consapevolezza dei propri talenti, pensano di non essere davvero brave in niente e non traggono piacere da ciò che fanno.
 
Ci sono molte possibili spiegazioni al riguardo. E tra le principali c'è l'educazione.
Perché i sistemi educativi, in certo modo, allontanano le persone dai loro talenti naturali.
Le risorse umane sono come le risorse naturali: giacciono spesso in profondità. Non si presentano in superficie. Devi andare a cercarle. Bisogna creare le condizioni per permettere ad esse di manifestarsi. E l'educazione e' il contesto dove ciò dovrebbe accadere. Ma troppo spesso non è così.
 
Molti sistemi educativi stanno per essere riformati. Ma le riforme non servono se semplicemente migliorano un modello fallimentare. Ciò di cui abbiamo bisogno non è un’evoluzione, ma una rivoluzione nell'educazione.
 
Innovare è difficile, perché significa mettere in discussione ciò che diamo per scontato, le cose che pensiamo siano ovvie. Il grande problema delle riforme o delle trasformazioni è la tirannia del senso comune, perché la gente pensa, “Non si può fare in altro modo perché è così che si fa".
 
Dobbiamo emanciparci. Ci sono idee alle quali siamo assoggettati, che semplicemente diamo per scontate. Dobbiamo liberare noi stessi da queste idee.
 
Una di queste è l’idea di linearità. Si comincia e si prosegue su un percorso scolastico prefissato. Siamo ossessionati da questa storia della linearità. E probabilmente il pinnacolo dell’istruzione consiste nell’andare all’università.  Non voglio dire che non ci si dovrebbe andare, ma che non tutti devono farlo e non tutti devono andarci subito. Le comunità umane si reggono sulla diversità dei talenti, non su una singola concezione di abilità.
 
L’altro grande problema è il conformismo. Abbiamo realizzato sistemi educativi sul modello del fast food, dove tutto è standardizzato, modello che sta impoverendo il nostro spirito così come il fast food sta deteriorando i nostri corpi.
 
Ma non è solo questo. È questione di passione, la passione che entusiasma il nostro spirito e ci dà energia. Questa è la ragione per la quale così tante persone rinunciano all’istruzione: perché non nutre il loro spirito, non alimenta la loro energia o la loro passione.
 
Dobbiamo passare da un modello industriale dell’educazione, basato sulla linearità e sul conformismo, ad un modello basato più sui principi dell’agricoltura. La crescita dell’essere umano non è infatti un processo meccanico, ma un processo organico, di cui non si può predire il risultato finale. Tutto quello che possiamo fare è creare le condizioni entro le quali i giovani possano crescere e svilupparsi.
 
Il talento umano è fortemente diversificato. Le attitudini delle persone sono diverse.
Per questo dobbiamo personalizzare l’educazione. Dobbiamo creare sistemi educativi nei quali le persone sviluppino le proprie soluzioni in base a percorsi personalizzati.
 
Le nuove tecnologie, combinate con il talento straordinario degli insegnanti, forniscono l'opportunità di rivoluzionare l’educazione. Prendiamone parte perché è vitale, non solo per noi stessi, ma per il futuro dei nostri figli."

Puoi accedere al video della conferenza, disponibile con sottotitoli in italiano, cliccando qui.


Condividilo su Facebook  Condividilo su Twitter  Condividilo su LinkedIn  Condividilo su Google +  Segnala Vota:
voti:261
Un modo per iniziare a cambiare la scuola potrebbe essere quello dell'abbandono dell'insegnamento monodisciplinare: una passo fondamentale per permettere di introdurre una didattica per competenze. Si veda
http://didatticapercompetenze.wordpress.com/2014/11/12/bozza-di-un-manifesto-per-un-nuovo-rinascimento/

12-11-2014 14:28 Marco Ronchetti
Inserisci un Commento
Nome *
Email *
Commento *
Sono *
Leggi l'informativa *
Ho letto e accetto l'informativa
I commenti sono moderati e saranno pubblicati solo dopo l'approvazione della redazione

Iscriviti alle News

RSS Sottoscrivi i nostri RSS


Invia un messaggio riservato alla redazione


Promosso da
Promosso da IESS.it

Categorie
La scuola che vorrei (8)
Sistema Educativo (5)
Organizzazione scolastica (1)
Docenti (5)
Tecnologie e strumenti didattici (2)
Progetti (1)
Didattica (3)

Archivio



TAG Cloud